Produciamo in Italia
FORNIAMO TUTTO IL MONDO

Prodotti

ELETEX ®

ELETEX ®
Descrizione

I nastri elevatori in gomma ELETEX sono nastri progettati per essere usati in impianti di elevatori a tazze. La speciale composizione dei tessuti, rinforzati con poliestere e nylon, permette l’utilizzo di tali nastri anche con carichi particolarmente elevati.


• L’ordito in poliestere assicura alta resistenza in presenza di condizioni di lavoro difficili.
• La trama di nylon garantisce un’alta resistenza trasversale contro gli strappi ed un buon fissaggio dei bulloni.

 

Tutti gli ELETEX vengono forniti a bordi tagliati poiché i tessuti sintetici usati per la loro produzione, non assorbendo liquidi, non necessitano di alcuna protezione contro l’umidità. Lo spessore di 2 mm, sia per la copertura superiore che per quella inferiore, è studiato appositamente per proteggere la carcassa ed assicurare, allo stesso tempo, il migliore supporto per le tazze, senza allentamento dei bulloni.

Specifiche delle Coperture

OX - Qualità resistente agli olii
OX è una mescola in gomma standard ideata per nastri elevatori che lavorano a temperatura ambiente.
Questo prodotto è antistatico secondo la norma ISO 284 e resistente agli olii.


AX - Resistente alle temperature medio-alte
AX è una mescola in gomma concepita in particolare per i nastri elevatori tessili atta a garantire buone prestazioni con materiali abrasivi e caldi fino a temperature di 150 °C. Questo prodotto è antistatico, secondo la norma ISO 284, ma non resistente agli olii.


BX - Resistente alle alte temperature
BX
è la copertura che assicura la massima resistenza al calore. E’ progettata per lavorare ad una temperatura massima di 180°C. Non è resistente agli olii.


AG - Auto-estinguente e resistente agli olii
AG
è una mescola nitrilica appositamente progettata per elevatori a tazze utilizzati nei silos di cereali.
Assicura un’ottima resistenza ai grassi sia animali che vegetali; inoltre è antistatica ed autoestinguente
secondo le norme ISO 340 e ISO 284 o equivalenti così da garantire un’elevata sicurezza all’interno
dell’impianto. La temperatura massima consentita dei materiali trasportati è di 100°C.

 

Per le caratteristiche o per particolari applicazioni, Vi preghiamo di contattare il nostro ufficio commerciale. 

Diametri Minimi dei Tamburi (mm)
Classe nastro N/mm400/3500/4630/4800/51000/51250/51600/5
Tamburo motore mm40050050063080010001000
Tamburo inferiore mm315400400500630800800

 

Secondo le varie esperienza impiantistiche, diverse scelte nel sistema di giunzione o nei bulloni delle tazze

possono prevedere tamburi con diametri più elevati.

Specifiche Tecniche

 

Classe nastro N/mm400/3500/4630/4800/51000/51250/51600/5

COPERTURA RESISTENTE AL CALORE AX

Spess cop. mm2+22+22+22+22+22+23+3
Spess nastro mm6,87,88,49,510,711,714,7
Peso nastro kg/m28,49,610,211,513,214,518,6

COPERTURA PER ALTE TEMPERATURE BX

Spess cop. mm---3+33+33+33+3
Spess nastro mm---11,512,713,714,7
Peso nastro kg/m2---13,214,916,117,8

COPERTURA RESISTENTE AGLI Olii OX

Spess cop. mm2+22+22+22+22+22+23+3
Spess nastro mm6,87,88,49,510,711,714,7
Peso nastro kg/m28,69,710,411,713,414,719,0

COPERTURA AUTO-ESTINGUENTE E RESISTENTE AGLI Olii AG

Spess cop. mm2+22+22+22+22+22+23+3
Spess nastro mm6,87,88,49,510,711,714,7
Peso nastro kg/m29,110,210,912,213,915,219,7

Costruzioni particolari disponibili su richiesta e soggette ad approvazione tecnica.

Giunzioni

Giunzioni meccaniche per ELETEX


Sono disponibili per i nastri elevatori Eletex fino alla classe 800N/mm idonei morsetti in acciaio equipaggiati con bulloni M14 aventi un passo di 50 mm. Per classi superiori, è preferibile utilizzare giunzioni meccaniche specifiche caratterizzate dalla presenza di un terzo elemento d'acciaio posto tra i due lembi del nastro.

 

Nastri Elevatori a Tazze

Calcolo dei Nastri Elevatori

In questa sezione viene descritto il metodo di calcolo per i nastri elevatori da noi sviluppato. Vanno prese in considerazione diverse tensioni T [daN] all’interno del nastro:


1. T1=P1·H dovuto al peso del nastro P1
2. T2=P2H/p dovuto al peso delle tazze P2
3. T3=P3H/p dovuto al peso del materiale P3

 

La capacità Q e il peso del materiale trasportato in ogni tazza P3 sono collegati da

P3calc=Q p      .

               3,6v

Se ci dovessero essere incoerenze tra P3 e P3calc nel calcolo di T3 dovrà essere usato il valore più alto tra il dato P3 ed il valore di P3calc derivante dal calcolo. Si consiglia un accertamento su questa divergenza.


4. T4=DJT3/h dovuto all’attrito del materiale nel punto di carico.
5. T5=MAX(K(T3+T4)-(T1+T2),Fv/2) per garantire la trasmissione del moto.


Il termine K(T3+T4)-(T1+T2) rappresenta metà del minimo valore del contrappeso che deve essere applicato. Valori negativi indicano che il peso delle tazze e del nastro sono sufficienti per assicurare il pretensionamento minimo richiesto.

La tensione massima richiesta dal nastro è la somma dei valor i sopra menzionat i T=T1+T2+T3+T4+T5.
A causa della presenza dei fori necessari al fissaggio delle tazze, per il calcolo del carico di rottura minimo deve essere considerata una larghezza utile Bu=B-dfnf inferiore al quella reale del nastro.
Se uno di questi dati fosse sconosciuto, invece del fattore di sicurezza standard (fs=12 per ELETEX e fS=10 per ELEMET ), nel calcolo del carico di rottura minimo consigliamo di usare un fattore di sicurezza

fs ≥ 15. In questo modo, il carico di rottura minimo è CRmin= 10T fs.

                                                                                                            Bu
Scegliendo un carico di rottura CR maggiore o uguale al valore CRm, qui sopra calcolato, è possibile verificare l’effettivo fattore di sicurezza fs’= CR x Bu.

                                                                              10T
La potenza del motore necessaria a muovere il nastro a pieno carico deve essere tale da bilanciare la tensione T3+T4 dato che le tensioni T1+T2 producono effetti auto-compensanti lungo l’intera lunghezza dello stesso: Pa= T3+T4 .

                                 102  

Introducendo l’efficienza della trasmissione e un surplus di potenza pari al 20%, la minima potenza motrice applicabile al nastro trasportatore deve essere Pm=1,2Pa/n.


LEGENDA
P1 [kg/m] = Peso del nastro
P2 [kg/each] = Peso delle tazze
P3 [kg/each] = Peso del materiale per ogni tazza
P3calc [kg/each] = Peso del materiale di ogni tazza necessario a garantire la capacità Q
Q [Ton/h] = Portata dell’elevatore
v [m/sec] = Velocità del nastro
H [m] = Elevazione
p [m] = Passo delle tazze
D [m] = Diametro del tamburo inferiore
J = Fattore d’attrito sul carter: in genere 8, per grosse pezzature12
K = Fattore d’attrito sul tamburo di comando (generalmente 0,5)
Fv [kg] = = Contrappeso applicato (compreso il peso del tamburo inferiore)
T [kN/m] = Tensione massima applicata al nastro
CRmin [kN/m] = Carico di rottura minimo
B [mm] = Larghezza del nastro
Bu [mm] = Larghezza utile del nastro
df [mm] = Diametro del foro
nf [mm] = numero dei fori per ogni tazza
fs = Fattore di sicurezza
fs’ = Fattore di sicurezza effettivo
Pa [kW] = Potenza del motore teorica
Pm [kW] = Potenza del motore minima richiesta
n = Efficienza dell’unità motrice

Manuali